Perdita capelli, cura capelli, benessere e molto altro ancora

Alimentazione > Dimagrimento e dieta > Ho la pancia, cosa posso fare

Ho la pancia, cosa posso fare


A differenza delle vecchie generazioni oggi la parte del corpo che le ragazze preferiscono più esporre è la zona addominale. Questo è probabilmente accaduto perchè la moda ha spinto abbigliamenti diversi da un tempo passando dalle gonne a normali jeans e dai normali jeans ai modelli di pantaloni a vita bassa; in più sono state aggiunte magliette corte che quindi hanno dato la possibilità di esporre una nuova zona erotica femminile, la pancia.

In questo le gambe restano coperte quindi l'attenzione degli uomini si concentra nella zona addominale che è interesse di una donna tenere in forma e rendere piacevole agli sguardi degli altri. Analizziamo prima i diversi tipi di pancia che le donne possono avere vedendo le cause e successivamente i rimedi, iniziando da quelli più semplici fino ai più drastici e definitivi.

La prima causa che porta ad avere la pancia è il cibo e il poco movimento. Oggi l'alimentazione è molto più varia e abbondante di un tempo quindi è anche molto più semplice che il grasso superfluo si accumuli creando un addome più voluminoso. Va detto che, a differenza degli uomini, non tutte le donne hanno la predisposizione ad accumulare grasso sulla pancia ma normalmente su fianchi e cosce quindi deve esserci anche una certa predisposizione congenita all'accumulo addominale.

Da non sottovalutare è anche l'aumento da parte delle donne, di assunzione di alcolici come la birra (o comunque bevande gassate) che tendono a dilatare lo stomaco e creano un vistoso aumento di volume addominale pur presentando una modesta quantità di grasso. Un altro tipo di pancia, può essere quella cosiddetta "pendula" ovvero un accumulo di tessuto adiposo ben localizzato sotto l'ombelico dovuto a più gravidanze oppure ad un calo improvviso di peso dovuto ad una drastica dieta dimagrante che non ha dato il tempo ai tessuti di ritirarsi e essere assorbiti dall'organismo.

Le regole base per ridurre la propria pancia o evitare che si formi sono sempre movimento e seguire una corretta alimentazione. Nel caso di pancia dovuta ad eccesso di grasso, iscriversi in una buona palestra e consultare un dietologo sono i primi due passi per dimagrire e di conseguenza ridurre il volume dell'addome. Per chi proprio non ha voglia di andare in palestra 3 volte alla settimana, è già un grande passo avanti fare degli esercizi per gli addominali almeno 10 minuti al giorno, alternando un esercizio di sollevamento del busto ad un altro di sollevamento delle gambe.

Anche la chimica farmaceutica può essere un valido aiuto nella cura dell'inestetismo, infatti in commercio è possibile reperire molte creme rassodanti che applicate quotidianamente nella zona interessata rassodano la pelle tonificandola e rendendola più elastica. Le pelli giovani hanno una capacità molto maggiore di dilatarsi e riassorbirsi rispetto alla pelle di donne in età più avanzata perciò per quest'ultime può essere impossibile un calo visibile del volume della pancia con i rimedi fino ad ora descritti. Inoltre superati i 40 anni, affrontare una dieta per un calo importante di peso potrebbe lasciare dei segni evidenti come una antiestetica pancetta o pancia pendula che in nessun modo naturale riuscirà a rientrare. Per questi casi, l'unico rimedio è la chirurgia estetica che con due diverse principali metodologia può asportare la pancia in eccesso lasciando pochissimi segni visibili.

  1. Il primo metodo è la liposuzione che è indicata in casi in cui la cute risulta ancora sufficientemente elastica e non rischiare di rimanere troppo "lassa" dopo l'intervento. La liposuzione aspira il grasso sottocutaneo per mezzo di speciali siringhe e per questo è indispensabile che la pelle possa poi ritirarsi senza rimanere pendula.
  2. Il secondo metodo è l'addominoplastica che consiste nell'asportare una losanga di pelle e tessuto adiposo. E' una operazione di incisione vera e propria dove si procede a scollare la parete addominale e a rinforzare i muscoli sottostanti. L'ombelico viene isolato e riposizionato in seguito per avere il nuovo e giusto allineamento corporeo. Si asporta il lembo di derma adiposo. Ne consegue che dovranno esser messi dei punti per ricucire la pelle. La cicatrice sarà in posizione sovrapubica in modo che possano essere indossati anche indumenti a vita medio-bassa però non è garantito che la stessa scomparirà del tutto, nemmeno dopo alcune applicazioni laser che possono ridurne l'evidenza.
  3. Il terzo metodo è un insieme di liposuzione e addominoplastica che per la precisione sarà una miniaddominoplastica. In questo caso all'operazione di liposuzione, seguirà quella di addominoplastica ma con la differenza che la cicatrice sarà più contenuta e molto meno visibile.


Nel caso dell'uomo, diete, esercizi e creme rassodanti non hanno controindicazioni ma nel caso di operazioni di addominoplastica, la particolare pelle maschile è poco predisposta quindi la cicatrice sarà sicuramente più evidente che in una donna. Un intervento di addominoplastica si aggira intorno i 6000 € ed è comunque un intervento molto invasivo quindi è da scegliere i per casi veramente particolari e quando i metodi naturali non hanno avuto alcun effetto tangibile.

Curiosità

In commercio esistono diversi prodotti utili per contrastare il grasso in eccesso,alcuni sono veri e propri prodotti per ridurre la pancia altri sono prodotti comunque utili per dimagrire.

 








prodotti capelli donna Guida capelli

Info Salustore

Salustore è un marchio di Orange s.r.l:
Via G. Matteotti 21
24050 Grassobbio (BG)
Tel: +39 035 525622
P.IVA: 02934580164
www.salustore.com