Perdita capelli, cura capelli, benessere e molto altro ancora

Psicologia e coppia > Coppia e sessualità > I contraccettivi

I contraccettivi


Amarsi vuol dire, prima di tutto, proteggersi. Proteggere noi stessi e l'altro dai rischi legati ad una sessualità immatura, che possono causare numerosi problemi a lungo termine.

I contraccettivi sono la strada più sicura per vivere la sessualità in modo sereno e consapevole. Non era così facile per i nostri antenati, costretti a ricorrere a metodi rudimentali e poco igienici. Oggigiorno il panorama della contraccezione offre una grande varietà di soluzioni, consentendo così di individuare e/o provare numerose strade.

Scegliere i contraccettivi giusti significa non soltanto prevenire gravidanze indesiderate, ma anche malattie virali e veneree, a rischio soprattutto nei rapporti occasionali.

Bisogna però ricordare che nessun metodo contraccettivo garantisce al 100% la protezione totale, anche perchè il suo utilizzo è lasciato alla discrezione e/o all'attenzione di chi lo sceglie.

Analizziamo i contraccettivi più utili e diffusi, con una parentesi sui contraccettivi di ultima generazione.

I contraccettivi barriera (o meccanici)

I contraccettivi barriera offrono una barriera fisica al contatto diretto tra spermatozoi ed ovulo. Si tratta in questo caso di varie tipologie di dispositivi anticoncezionali, ottimi anche per proteggere dalle malattie a trasmissione sessuale.

Il contraccettivo barriera più diffuso è il preservativo o profilattico (detto anche condom), guaina elastica in lattice da indossare sul pene in erezione per raccogliere la fuoriuscita di sperma ed evitare, contemporaneamente, il contatto diretto con la vagina. Economico, facile da usare e da reperire, il preservativo offre una protezione ottima contro le malattie veneree e le gravidanze indesiderate, anche se in taluni casi può rompersi. I detrattori sottolineano la desensibilizzazione che causerebbe nel rapporto sessuale, ma per ovviare a questo rischio si trovano sul mercato modelli stimolanti, supersottili, profumati ed altre varianti creative.

Piuttosto conosciuto è anche il diaframma, cupoletta gommosa legata a un anello metallico che la donna può inserire in vagina poco prima del rapporto sessuale. Si tratta di un metodo generalmente poco sicuro (percentuale di fallimento attorno al 20%), che può richiedere l'utilizzo di spermicidi e richiede un pò di pratica nell'uso. Inoltre il metodo non è molto affidabile contro eventuali malattie sessualmente trasmissibili.

Abbastanza recente è invece il preservativo femminile, nuovo modello di condom formato da una guaina in nitrile da inserire in vagina, assolutamente inodore e poco fastidioso. Abbastanza economico, incide in misura minore sulla sensibilità maschile nel contatto con i genitali femminili, ma richiede un minimo di pratica per l'inserimento corretto.

Tra gli altri contraccettivi barriera c'è il cappuccio cervicale, per alcuni aspetti simile al diaframma, e le cosiddette spugne contraccettive, fatte di poliuretano e contenenti spermicida.

I contraccettivi ormonali

Alternativi ai modelli barriera, i contraccettivi ormonali agiscono principalmente contro le gravidanze indesiderate, con un fattore di protezione pari quasi a zero contro le malattie sessualmente trasmissibili.

Si tratta di anticoncezionali molto efficaci, generalmente poco invasivi sulla salute e facili da assumere, pur richiedendo la prescrizione medica.

Il contraccettivo ormonale più diffuso e noto è probabilmente la pillola anticoncezionale, farmaco confezionato nella forma di piccole pillole contenenti un progestinico ed un estrogeno. L'assunzione della pillola causa il blocco dell'ovulazione ed in generale inibisce la fecondazione; per l'efficacia del contraccettivo si richiede l'uso continuo per 21 giorni, seguiti da 7 giorni di sospensione. Il rischio di gravidanza è ridotto al minimo, ed il farmaco agisce inoltre contro numerose altre patologie. Si tratta comunque di un anticoncezionale poco indicato per i rapporti saltuari, poichè non fornisce una barriera fisiologica e quindi non protegge dalle malattie sessualmente trasmissibili. Può inoltre ingenerare una serie di effetti collaterali come nausea, rallentamento del metabolismo ed aumento del peso.

Tra gli ormonali c'è poi la cosiddetta minipillola (o impianto progenistico), composta da progesterone e molto efficace contro le gravidanze indesiderate: essa agisce bloccando il passaggio dello sperma maschile grazie al blocco della fluidificazione del muco cervicale.

A differenza della pillola, il cerotto transdermico esercita la sua azione a partire dalla pelle, rilasciando i propri principi attivi (ormoni estrogeni e progestinici) nel sangue. Di elevata efficacia, va applicato correttamente e non utilizzato in abbinamento ad alcuni specifici farmaci.

Simile solo in parte alla spirale, il Nuva Ring (anello vaginale) è un anello plasticoso la cui funzione è rilasciare ormoni in grado di inibire l'ovulazione. Altamente efficace quando correttamente inserito, non protegge però dalle malattie sessualmente trasmissibili.

I contraccettivi d'emergenza

Ai contraccettivi “d'emergenza” appartengono tutti quei metodi anticoncezionali da utilizzare in specifiche circostanze d'emergenza, come un rapporto sessuale non protetto con parziale o totale eiaculazione maschile.

La tipologia più conosciuta è la cosiddetta “pillola del giorno dopo”, utilizzabile in caso di rottura accidentale del condom, dimenticanza nell'assunzione della pillola, utilizzo sbagliato della contraccezione naturale o uso scorretto di altri metodi contraccettivi. Si tratta, c'è da specificarlo bene, di un contraccettivo d'emergenza, da non utilizzare se non in casi di estrema necessità. Essa agisce bloccando l'ovulazione o la fecondazione dell'ovulo, ha poche controindicazioni e non va assunta oltre le 72 ore trascorse dal rapporto sessuale sospetto. Richiede la prescrizione medica.

I contraccettivi naturali

Esistono molti metodi contraccettivi naturali, ma quasi nessuno offre la stessa sicurezza dei contraccettivi barriera o ormonali. Il metodo contraccettivo naturale più noto è il coito interrotto, ossia l'interruzione volontaria del rapporto sessuale prima dell'eiaculazione maschile. Molto utilizzato, il coito interrotto ha tuttavia percentuali di fallimento che si aggirano attorno al 30%.

L'Ogino-Knaus è un altro metodo contraccettivo che non fa uso di barriere o sostanze, basandosi sul calcolo accurato dei giorni fecondi della donna. Ritenuto non molto efficace, richiede l'astensione dal sesso nei giorni in cui è più probabile la fecondazione.

Altro metodo contraccettivo piuttosto noto è quello della temperatura basale, la temperatura del nostro corpo appena svegli e dalla quale si può dedurre l'avvenuta ovulazione.

Quando correttamente applicato, il metodo sintotermico (che utilizza anche i calcoli dell'Ogino-Knaus) sarebbe tra i più efficaci in assoluto: una buona ragione per apprenderlo solo da insegnanti o personale specificamente addestrato.

 








prodotti capelli donna Guida capelli

Info Salustore

Salustore è un marchio di Orange s.r.l:
Via G. Matteotti 21
24050 Grassobbio (BG)
Tel: +39 035 525622
P.IVA: 02934580164
www.salustore.com