Perdita capelli, cura capelli, benessere e molto altro ancora

Psicologia e coppia > Miglioramento personale > Visualizzazione e immaginazione

Visualizzazione e immaginazione


Dall'immaginazione alla visualizzazione

Ciascuno di noi viene in contatto, tutti i giorni, con sogni ed immagini mentali, che spesso si avvicendano anche durante la normale esistenza di veglia. Queste immagini, più o meno vivide ed intense, possono “colorare” la nostra mente ed interagire in modo determinante con il vissuto personale.

Si tratta, nella maggior parte dei casi, di un'immaginazione passiva e spontanea, che unisce veri sogni ad occhi aperti, pensieri associativi e loop mentali dall'indubbia familiarità.

Queste immagini, oltre ad essere sottofondo della nostra giornata possono agire come veri e propri condizionamenti, racconandoci “storie” o rinsaldando vecchie convinzioni limitanti.

L'immaginazione, tuttavia, può essere anche attiva e determinata, più che determinante: basta imparare le tecniche giuste, padroneggiando la visualizzazione e ricavandone un gran numero di benefici.

La visualizzazione: che cos'è?

Tutti siamo in grado di immaginare. Eppure spesso questa facoltà viene letteralmente messa da parte, surclassata dalla logica e dalle esigenze del quotidiano. Come riscoprire ed utilizzare l'immaginazione attiva e creativa?

I più recenti studi sul cervello riconoscono come esso sia strutturato in due grandi “aree di regia”, due sezioni che coordinano aspetti diversi del nostro comportamento. All'emisfero sinistro, collegato a tutta la parte destra del corpo, concernono la logica, le funzioni matematiche e verbali, la ragione, la memoria, la parola ed il senso del tempo. L'emisfero destro, invece, agisce sul piano della non-linearità esprimendosi nelle intuizioni, nel pensiero olistico, nei sogni, nel rapporto con lo spazio.

La visualizzazione richiama soprattutto il nostro lato libero e creativo, la nostra capacità (quasi artistica) di utilizzare l'immaginazione. Come tutte le attività del pensiero anch'essa richiede allenamento per essere padroneggiata, e può condurre a risultati molto interessanti per la nostra vita.

Visualizzare per risolvere i problemi

L'uso più comune della visualizzazione è legato al problem solving. Ancor prima, però, la visualizzazione è la facoltà padroneggiata con grande perizia da artisti di ogni genere. Visualizzare significa da un lato lasciar emerge le immagini interiori, dall'altro direzionare queste immagini in modo libero e creativo, diventando i veri padroni del proprio mondo interno.

La visualizzazione creativa è un utilissimo strumento per creare predisposizioni positive e atteggiamenti propositivi, contrastando magari il pensiero negativo o autosabotante.

È molto frequente, infatti, che si resti intrappolati in credenze e immagini di sè sabotanti o autosvalutanti, dove tendiamo a rappresentare noi stessi come fallimentari ancor prima che si verifichi l'evento che temiamo.

In molti sport si utilizza la visualizzazione per guadagnare sicurezza e concentrazione: è il caso, ad esempio, del tiro con l'arco, dove i praticanti eseguono lunghe sessioni di visualizzazione ad occhi chiusi immaginando di centrare ogni volta il bersaglio. Facile? Sembrerebbe, ma bisogna imparare a contrastare le immagini negative e sabotanti, la cui presenza reiterata è spesso difficile da contrastare.

Come funziona la visualizzazione?

Visualizzare significa, in parole povere, guardare con gli occhi della propria mente. Si può visualizzare ad occhi aperti, ma generalmente ad occhi chiusi è più facile eliminare le distrazioni ed entrare profondamente nella propria visione.

Molti esercizi e tecniche di visualizzazione cominciano dal rilassamento fisico: distesi o seduti, ad occhi chiusi, sciogliamo punto per punto tutte le tensioni del nostro corpo, mollando la presa anche dei pensieri più tenaci.

Può essere utile, in tal senso, un minimo di familiarità con la pratica della meditazione o del rilassamento sui generis.

Una volta raggiunto questo stato di grazia, inizia la visualizzazione vera e propria, che può partire ad esempio con la visione di un colore. Visualizzare significa a volte creare uno scenario, fantastico o reale, dove noi siamo i protagonisti e ci muoviamo liberamente nello spazio.

Si può applicare la visualizzazione in rapporto a qualsiasi problema della vita reale, più o meno concreto o astratto, osservando letteralmente se stessi nell'atto di affrontare il problema.

Un esempio classico è l'esame da sostenere all'università: grazie alla visualizzazione possiamo non solo rappresentarci chiaramente la scena, ma anche dare una forma definita ad essa, osservandoci sicuri di noi e guadagnando familiarità con l'ambiente.

Fondamentale, affinchè la visualizzazione sia efficace, è avere ben chiaro il nostro obiettivo: l'immaginazione creativa ci aiuterà a visualizzare passo passo tutte le tappe necessarie per raggiungerlo.

Alcuni studi sostengono che sia preferibile visualizzarsi nell'atto di compiere l'azione, più che concentrarsi sul suo successo. Può essere altrettanto utile visualizzare e sentire lo stato emotivo che vorremmo provare durante o al termine della nostra azione: utilizziamo come rinforzo i richiami sensoriali, per rendere ancora più realistica ed intensa la nostra visione.

Qualche esempio? Per visualizzare una scena primaverile proviamo a sentire il profumo dell'erba o dei fiori (olfatto), il sole che ci riscalda la fronte (tatto) o il canto degli uccelli (udito)...

Riassumendo: tutti i passaggi per una visualizzazione efficace

  1. Esercitarsi a lungo, provare senza scoraggiarsi;
  2. Imparare a rilassarsi;
  3. Definire chiaramente i propri obiettivi, cercando di riconoscere i desideri autentici da quelli “indotti” dall'esterno;
  4. Utilizzare tutti gli strumenti disponibili: visualizzare vuol dire lasciar libera espressione alla fantasia, usare tutti e 5 i sensi, coinvolgere le emozioni;
  5. Imparare come affrontare immagini ed emozioni negative: basta osservarle, non identificarsi, lasciar scorrere...con un pò di pratica e molta delicatezza riusciremo a tener testa al “demolitore interno”;
  6. la visualizzazione è anche gioia, divertimento...Approfittiamone per vivere un'esperienza piacevole!


Visualizzazione e legge di attrazione

Il recente successo di dvd e libri sulla legge di attrazione chiama in causa la visualizzazione e le tecniche di immaginazione creativa. Ma di cosa si tratta esattamente?

A detta dei suoi sostenitori, la legge di attrazione sarebbe un fenomeno universale secondo il quale tendiamo ad attrarre cose e fenomeni sui quali si concentra più a lungo e più intensamente la nostra attenzione. Il dvd “The Secret” ha reso particolarmente popolari queste teorie, basate in gran parte sul pensiero degli esponenti del cosiddetto New Thought.

Sarà vero? Intanto pratichiamo la visualizzazione per sperimentare il benessere di un'immaginazione consapevole, direzionata e non distruttiva.

Antiche tecniche di visualizzazione

La visualizzazione è in uso da secoli in diverse tradizioni religiose e spirituali. Piuttosto noto è l'uso delle visualizzazioni nello Yantra Yoga, che ricorre a diagrammi geometrici da fissare e mentalizzare per raggiungere stati di coscienza “cosmica” o stati alterati.

Anche la tradizione cristiana è ricca di mistici e santi “visionari”, o di “esercizi” molto vicini alle pratiche induiste e buddhiste.

 








prodotti capelli donna Guida capelli

Info Salustore

Salustore è un marchio di Orange s.r.l:
Via G. Matteotti 21
24050 Grassobbio (BG)
Tel: +39 035 525622
P.IVA: 02934580164
www.salustore.com