Perdita capelli, cura capelli, benessere e molto altro ancora

Salute e sport > Sport e forma fisica > La posizione corretta al computer

La posizione corretta al computer


Mantenere una posizione corretta al computer è importantissimo, specie per chi al computer trascorre diverse ore al giorno. Le cattive abitudini sono facili da assumere e una posizione scorretta, con il tempo, può creare problemi alla vista, alla schiena, al collo o ai tendini. Assumere una posizione correttta al computer significa essere più rilassati e sereni, affaticare meno il corpo e prevenire l'insorgere di patologie e fastidi, una brutta noia per chi al computer si guadagna da vivere.

Gli accorgimenti per assumere una posizione corretta al computer sono pochi e semplici, ma vanno tenuti tutti in considerazione e adattati al nostro corpo e alle sue esigenze. Cominciamo dal piano di lavoro. Alto preferibilmente 70-80 cm, il piano di lavoro dev'essere sufficientemente ampio, non riflettente ed abbastanza spazioso, in modo che le gambe possano muoversi liberamente. La seduta sarà ergonomica e regolabile (altezza e schienale), con uno schienale alto attorno ai 50 cm che ci consenta di tenere la schiena dritta e un adeguato appoggio lombare. In caso di necessità si può fare uso di un poggiapiedi, sempre che lo spazio ce lo consenta.

Il computer, situato di fronte a noi, avrà il monitor a 50-80 cm dai nostri occhi, più vicino se piccolo, gradualmente più lontano quando di dimensioni maggiori. È fondamentale, per non affaticare il collo, che la parte superiore del monitor si trovi sulla stessa linea dei nostri occhi, solo qualche cm più in basso.

Il mouse viene collocato ai lati della tastiera (sinistra o destra a seconda che siate mancini o destri), parallelo ad essa; per utilizzarlo correttamente si appoggiano gli avambracci sul piano di lavoro, tenendo rilassato e non sollevato il polso. Manteniamo la tastiera ad almeno 15-20 cm dal bordo inferiore del piano di lavoro, il che ci aiuterà anche a digitare con meno sforzo. Per essere ancora più comodi possiamo acquistare una tastiera inclinabile, che ci consente di scegliere l'angolo di digitazione.

Se capita spesso di trascrivere materiale cartaceo al pc, utilizziamo anche un leggìo, tenendolo alla stessa altezza del monitor e cercando di centrarlo il più possibile, per evitare frequenti spostamenti di capo ed occhi.

Fondamentale è anche la scelta dell'ambiente di lavoro, con tutti i suoi elementi. Si consiglia in generale di non avere il computer davanti o dietro una finestra, per evitare spiacevoli riflessi sul monitor, e qualora ciò non sia possibile è buona norma utilizzare degli oscuranti per finestre.

IMPORTANTE!

Chi lavora al pc è tutelato in Italia dal titolo VI del Decreto legislativo n. 626/94, relativo ai videoterminali. È dunque fondamentale, sul posto di lavoro, che la postazione pc sia a norma. Nel decreto si specifica che l'utilizzo scorretto del pc può danneggiare la salute del lavoratore, e si forniscono indicazioni specifiche sull'utilizzo dello schermo, della tastiera, del piano di lavoro, dei sedili e dell'ambiente di lavoro.

La posizione corretta al notebook

La grande libertà di movimento che ci offre un notebook non sempre incontra la comodità. È facile, infatti, assumere posture scorrette che con qualche accorgimento potremmo correggere. Le attività in cui si utilizzano notebook e netbook non sono tutelate dal Dl. 626/94, ma non è certo un buon motivo per non preoccuparci della nostra salute! Qualche dritta? Anzitutto evitiamo il contatto diretto del portatile con le gambe, usando un piano d'appoggio anche di fortuna. Cuscini e libri possono rivelarsi adatti, ma non lasciano passare aria e quindi andrebbero evitati. Meglio comprare un appoggio ad hoc, in commercio se ne trovano modelli di tutte le fogge.

Quando si usa il notebook in posizioni inusuali o scomode, come ad esempio sul letto, è sempre bene utilizzare cuscini o altri stratagemmi per assicurarsi appoggi e sostegni comodi. In tutti i casi evitiamo di affaticare testa, collo, occhi, braccia e gambe, con sporadiche pause per sgranchirci o fare un pò di stretching.

Qualche esercizio

Chi trascorre molto tempo al computer dovrebbe concedersi piccole pause ogni 30-60 minuti, per sgranchirsi o fare piccoli esercizi di stretching.

Qualche idea?

  1. alzarsi e fare due passi;
  2. stirare le gambe e le braccia;
  3. far ruotare a turno i due polsi aiutandosi con l'altra mano;
  4. Stretching per la testa ed il collo: inclinare la testa sui due lati (5-10 ripetizioni), poi ruotarla a sinistra e destra tenendo lo sguardo fisso (5-10 ripetizioni), poi ancora davanti e indietro (5-10 ripetizioni);
  5. fare una ricerca su internet o leggere libri cercando esercizi di stretching semplici e fattibili anche in ufficio;
  6. ogni tanto lanciare lo sguardo ad un punto lontano, per lubrificare e rilassare gli occhi;
  7. utilizzare software ad hoc (come Workrave) che aiutino a gestire il piccolo training da studio;

Libri

  1. Maggie Black e Penny Gray, Le corrette posizioni del lavoro, Editori Riuniti
  2. Roy Palmer, Perfect Computer Posture: How To Sit At Your PC Without Pain and Discomfort, FrontRunner Publications

 








prodotti capelli donna Guida capelli

Info Salustore

Salustore è un marchio di Orange s.r.l:
Via G. Matteotti 21
24050 Grassobbio (BG)
Tel: +39 035 525622
P.IVA: 02934580164
www.salustore.com